Dummies,  Irlanda

Western Way – Giorno 4

Da Leenane a Drummin – 31/07/2019

  • 23 km

Quarta giornata di cammino in Irlanda. Oggi percorriamo l’ultimo tratto che affianca il fiordo di Killary Harbour e entriamo nella Contea di Mayo.

Sveglia di buon’ora, facciamo la classica corposa colazione nella graziosa sala del B&B, dove troviamo l’accomodante e gentile signora Margaret, oltre ad una bella vista sul Killary Harbour, l’unico fiordo Irlandese, a confine tra le contee di Galway e Mayo.

Cerchiamo di stringere i tempi, oggi ci sarà da camminare per 23 km circa e, da quello che ha potuto constatare Paolo dalle mappe che sta usando, sembra che una buona parte del percorso si svolga sulla strada statale N59, fattore che ci preoccupa non poco.

Cammino in Irlanda

Riprendiamo il cammino in Irlanda lungo il fiordo irlandese

Rituale dei saluti concluso, ecco che riprendiamo il nostro percorso, che come detto per il primo tratto si svolge sul ciglio della strada statale; fortunatamente a quest’ora le auto di passaggio non sono molte, quindi riusciamo a percorrerne una buona parte senza doverci preoccupare di chi transita.

Il fiordo è “in secca”, la bassa marea ha messo in mostra parte del fondale, e ci fermiamo nei pressi del Pozzo di Saint Joseph a fare qualche foto. Dei cartelli a bordo strada ci indicano che stiamo lasciando alle nostre spalle il “Connemara Loop” e la contea di Galway, per entrare nella contea di Mayo.

Killary Harbour

County Mayo

Proseguiamo ancora per poche centinaia di metri, fino ad incrociare delle indicazioni che segnalano chiaramente che dobbiamo abbandonare la statale N59 ed avventurarci in direzione delle Aasleagh Falls.

Ci fermiamo per capire se la segnalazione è corretta, ma una bacheca della Western Way ci indica inequivocabilmente che non dobbiamo rimanere sulla strada statale, ed è davvero un sollievo scoprire che il percorso sul GPS di Paolo non è corretto (o quantomeno non è aggiornato, ricordiamoci sempre che non sono mappe ufficiali, ma “aiuti” da viandanti come noi).

Lungo il fiume Erriff

Procediamo per una decina di minuti su strada asfaltata, fino ad arrivare ad un ponte sul Fiume Erriff, prima del quale troviamo l’ingresso ad una sterrata che costeggia sia le Aasleagh Falls che il medesimo fiume, che seguiamo per una buona ora e mezza.

Western Way

Il sentiero che stiamo percorrendo corre nella stessa direzione della N59, passiamo attraverso alcune proprietà che hanno lasciato la possibilità di transito, e nel mentre veniamo superati dalle quattro ragazze che abbiamo incontrato il primo giorno a Oughterard, con il loro piccolo zainetto con lo stretto indispensabile in spalla (che invidia!).

Il sentiero è molto bello, completamente esposto perché non troviamo alberi sul tragitto, ma considerando il clima irlandese, non riteniamo sia un grosso problema (siamo “fortunati” che non ci sia sole, ma una lieve pioggerella ad accompagnarci).

Western Way

Giungiamo ad un altro ponte sull’Erriff, dal quale prendiamo la carrozzabile che si muove in lieve salita sulla sinistra, in direzione del Tawnyard Lough, e dopo qualche centinaio di metri passa ad uno sterrato che attraversa le basse colline irlandesi con le sue macchie di vegetazione ed i suoi boschetti di latifoglie e sempreverdi.

Cammino in Irlanda

Arriviamo a intercettare la strada L1824, che percorreremo fino al paese di Owenmore Bridge; riprendiamo a salire su strada asfaltata, fino ad arrivare ad una piccola area di sosta a mo’ di balcone sul Lago Tawnyard, e facciamo il nostro pit stop quotidiano per il pranzo.

Sbucano nel frattempo i cinque ragazzi di lingua tedesca incontrati precedentemente, sembrano aver da poco “levato le tende” (in senso letterale) e ripartono nella stessa direttrice.

Western Way

Un incontro con la gente del luogo…

Il tempo di mangiare, e riprendiamo il nostro cammino in Irlanda. Cominciamo a salire finché giungiamo al “passo” e scolliniamo nella valle laterale. Nel frattempo un anziano uomo irlandese sulla sua macchina si affianca, e comincia cordialmente a farci domande: capiamo poco di quel che dice! La parlata e soprattutto l’accento tradiscono la sua provenienza, ma fa piacere incontrare persone così affabili.

Western Way

Ci saluta e riprende la sua discesa a 10km/h, rischiando di essere superato da noi pedoni… arriviamo in una ventina di minuti ad un bivio, dove il sentiero prosegue sulla strada e allo stesso tempo si inerpica sulle montagne circostanti.

Scegliamo di proseguire sull’asfalto

Dovendo decidere, Paolo teme che il sentiero vada oltre alla casa che ci ospiterà questa notte, costringendoci a tornare sui nostri passi, inoltre siamo già abbastanza provati e temiamo di strapazzarci troppo, quindi facciamo la scelta sofferta di proseguire sull’asfalto, che non amiamo assolutamente.

Siamo consapevoli che sarà sicuramente una variante meno bella e pittoresca rispetto all’itinerario principale. Più avanti ci renderemo conto di aver fatto male i calcoli…

Cammino in Irlanda

Eccoci a proseguire quindi per circa 4km sulla L1824, e pressappoco in un’ora siamo ad Owenmore Bridge, dove svoltiamo a sinistra in corrispondenza di un cimitero in direzione Ouisburgh. All’unico pub trovato dalla partenza di stamattina, vediamo i nostri cinque “amici” intenti a riposare, che ci salutano; anche loro hanno fatto la nostra stessa scelta.

Proseguiamo per altri 4km, sempre su asfalto; sono strade di campagna, di macchine ne transitano davvero pochissime, ma ciò non toglie che i nostri piedi sono sicuramente più doloranti qui che su un bel sentiero di montagna.

Western Way

Finalmente, l’arrivo alla destinazione odierna

Stasera siamo ospiti di Jess e Dara alla “Parochial House”, in quella che come il nome lascia presagire è una ex chiesetta di campagna, adibita ad appartamento; l’unica accomodazione che abbiamo trovato sul tragitto senza dover fare “dolorose” deviazioni in termini di km e tempo.

Una volta “lavata via” la giornata e accesa la stufa (sarà anche la stanchezza, ma nell’appartamento fa freddo), troviamo sul tavolino in sala una utile guida della Western Way, che fra l’altro ipotizza come percorso Oughterard-Westport, senza proseguire oltre.

Il tempo di un pasto e siamo pronti per dormire, visto che anche domani ci attende una giornata di cammino, seppur più blanda…

[To be continued…]

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *